Blitz quotidiano
powered by aruba

Treno dell’oro nazista, Polonia, Pasqua di caccia al tesoro

BERLINO – Tesoro nazista, la caccia continua, in Polonia è febbre. I cacciatori del tesoro e i loro fan stanno per perdere la pazienza: vogliono finalmente provare l’esistenza del cosiddetto treno dell’oro in Bassa Slesia. Nonostante lo scetticismo, sono convinti che il treno blindato tedesco della seconda guerra mondiale esiste.

La filiale polacca del canale TV Discovery ha alimentato la febbre del tesoro prima delle vacanze di Pasqua ancora una volta.

“Sulle tracce del treno dell’oro” è il titolo del documentario che porta i telespettatori una volta di più al chilometro 65 della linea ferroviaria tra Breslavia e Waldenburg in Bassa Slesia.

Il documentario ruota attorno ai due cacciatori di tesoro dilettanti: Piotr Koper e Andreas Richter. Gli uomini sono convinti che in un tunnel segreto è nascosto un treno blindato tedesco della seconda guerra mondiale da più di 70 anni.

Circa la quantità si può solo ipotizzare. Ma le leggende locali sull’ oro nazista nascosto alimentano le  aspettative – non solo quelli che lo vogliono trovare.

“ Si cominci finalmente a scavare!”

In realtà Koper e Richter già un mese fa volevano fare perforazioni per dimostrare l’esistenza del tunnel e del treno.

Ma al momento i due sono soffocati dalla burocrazia vera e propria.  Dato che si deve scavare  sul terreno ferroviario devono essere ancora fatte molte istanze burocratiche e devono essere  rilasciati ancora molti permessi.

Verso i residenti si sta tirando troppo la corda. Nelle ultime settimane ci sono state diverse manifestazioni di protesta. I partecipanti hanno fatto oscillare i picconi che avevano già portato con sé e hanno chiesto:

“ Si cominci finalmente a scavare!”

I cacciatori del tesoro sono grati per il sostegno della popolazione. “Siamo felici di così tanto sostegno”, dice Koper.

Al momento sono in corso dei colloqui  con l’azienda ferroviaria PKP, che, in quanto proprietaria del terreno,  deve dare il  proprio consenso agli scavi. “C’è una prima bozza di contratto”, dice Koper. “Siamo felici che la questione sia stata finalmente messa in moto.”

Quando effettivamente si inizierà con le prove di perforazione, l’aspirante cercatore d’oro non può dirlo.

Dopo tutto l’esercito polacco già lo scorso anno aveva dato luce verde per la ricerca – non era stato possibile identificare esplosivi o resti di munizioni ne’ sul sito, ne’ vicino alla superficie. Anche il fitto sottobosco è stata mai cancellata. Anche il fitto sottobosco era stato già cancellato.

Tshirt del treno dell’oro e barre di cioccolato a forma di lingotto. La febbre del tesoro ha nel frattempo afferrato l’intera  Waldenburg.

I fan del treno dell’oro possono richiedere ai cercatori del tesoro accendini a forma di lingotti e, con il loro acquisto,  sostenere  le prossime richieste. Nel museo della miniera si possono acquistare  Tshirt del treno dell’oro e barre di cioccolato a forma di lingotto.

Anche un rivenditore locale di auto usate locale è stato infettato dalla campagna pubblicitaria. Ha cambiato il  nome in della sua ditta in  “Goldzug Skoda”.

“Abbiamo svolto fin dall’inizio degli studi a nostre spese”, dice Koper. Pertanto il duo dei cacciatori del tesoro lo scorso agosto ha rivendicato il dieci per cento per la segnalazione del presunto ritrovamento

Ma la ricompensa è ancora incerta, così come l’esistenza del treno. Non tutti gli esperti sono convinti delle immagini radar di terra, che Koper e Richter hanno inviato come prova della loro scoperta. Un geologo di Cracovia ritiene che siano un falso

In gennaio  invece un altro geologo, sulla base di immagini fatte con una termocamera ha stabilito che: qualcosa c’è sicuramente lì sottoterra