Cronaca Europa

Trovano 27 lenti a contatto negli occhi di una donna: negli anni non se n’era mai accorta

Trovano 27 lenti a contatto negli occhi di una donna: negli anni non se n'era mai accorta

Trovano 27 lenti a contatto negli occhi di una donna: negli anni non se n’era mai accorta

LONDRA – Ha utilizzato per 35 anni le lenti a contatto e senza rendersene conto ne ha lasciate ben ventisette all’interno degli occhi. Ha dell’incredibile il caso registrato in Gran Bretagna lo scorso novembre e riportato recentemente dal British Medical Journal.

È il caso di una signora di 67 anni che, pur avendo nei suoi occhi decine di corpi estranei, per tutto questo tempo non avrebbe avuto disturbi. Non si è accorta di nulla tanto da restare sotto shock quando i medici, a loro volta rimasti senza parole, le hanno detto cosa avevano trovato nei suoi occhi.

La “scoperta” è stata fatta alla vigilia di un intervento di cataratta all’ospedale Solihull, vicino Birmingham, in Inghilterra. Intervento che ovviamente i medici hanno dovuto rinviare. Quelle 27 lentine dimenticate negli occhi erano raggruppate in “una massa bluastra” e tenute insieme dal muco. Avere tutte quelle lenti negli occhi per anni non deve essere stato per nulla piacevole ma a quanto pare la donna non aveva mai sofferto di irritazioni. E, considerando che andava molto raramente dall’oculista, nessuno aveva scoperto prima il suo problema.

“Quando la donna è stata visitata due settimane dopo aver rimosso le lenti ha detto che i suoi occhi si sentivano molto meglio”, hanno annotato i medici i quali hanno ammesso che nessuno di loro aveva mai osservato un caso del genere. “Ci sono a volte dei pazienti con una lente a contatto incastrata sotto la palpebra superiore, sopratutto se non sono abituati all’usura delle lenti o sono particolarmente maldestri, ma quello al quale ci siamo trovati di fronte in questo cosa ha dell’eccezionale”, hanno spiegato ancora i medici dell’ospedale britannico sottolineando come in questo caso la maggior parte delle persone avrebbe un arrossamento significativo con alto rischio di infezioni oculari.

To Top