Blitz quotidiano
powered by aruba

Turchia: spari in municipio in centro a Istanbul, ucciso vicesindaco

ISTANBUL – Almeno 2 persone hanno aperto il fuoco nella sede della municipalità di Sisli, nel centro di Istanbul, colpendo alla testa il vicesindaco, Cemil Candas, che è poi morto in ospedale. Lo riporta l’agenzia statale Anadolu, secondo cui almeno uno degli assalitori è stato arrestato.

Intanto è salito a 7.543 il numero delle persone arrestate finora in Turchia per il golpe fallito. Lo ha detto il premier Binali Yildirim. La cifra include almeno 6.030 militari. Oltre ai militari, gli altri arresti confermati al momento riguardano 755 magistrati e 650 civili.

I generali e gli alti ufficiali responsabili del fallito colpo di stato contro Erdogan interrogati, pestati e umiliati dai poliziotti turchi. In un video diffuso dall’agenzia Anadolu si vede il trattamento pesante riservato al generale Azin Ozturk e ad altri 70 fra generali, colonnelli e ammiragli (in tutto ne sono stati arrestati 103, un terzo del totale) che hanno partecipato al tentativo di golpe nella notte fra venerdì 15 e sabato 16 luglio 2016. Un tentativo che non solo è il primo colpo di stato fallito in Turchia (Paese che vanta una lunga “tradizione” di golpe andati a segno) ma è stato neutralizzato in sole 4 ore: un fallimento così clamoroso che molti analisti ritengono si sia trattato di un “Autogolpe” organizzato dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan per rafforzare ancora di più il suo potere e mettere fuori gioco i due nemici potenzialmente più pericolosi: l’ala anti-Erdogan dell’esercito (divisa, come si è visto, fra islamici e laici) e il potente predicatore Fethullah Gülen, auto esiliatosi negli Stati Uniti dal 1999.

Ai responsabili del golpe è stato elargito un “generoso” antipasto di percosse e minacce e umiliazioni in favor di telecamera, in attesa di processi che potrebbero portare anche alla pena di morte. Nel video della Anadolu Agency generali e colonnelli, gente “tosta” abituata a comandare uomini armati, guardano la telecamera spaventati a morte. Hanno l’aria dimessa, quasi tutti presentano lividi, alcuni macchie di sangue, altri come il generale Ozturk hanno vistose medicazioni in seguito alle botte. In una sequenza che ricorda la caserma di Bolzaneto, i prigionieri vengono trascinati nel comando di polizia in un’umiliante posizione ad angolo retto, tenuti con i polsi legati dietro la schiena da fascette molto strette, la testa contro il muro, gli occhi a terra. Quando la telecamera li inquadra, i militari vengono costretti dalle urla dei poliziotti a dire il loro nome e il loro (alto) grado nell’esercito.

Immagine 1 di 15
  • Turchia in attesa di uscire dalla Nato, intanto arresta i magistrati perché...Turchia in attesa di uscire dalla Nato, intanto arresta i magistrati. Nella foto: soldati a Istanbul si arrendono dopo il fallimento del golpe
  • Turchia accusa Usa per il golpe: tensioni in aeroporto, 6mila gli arresti
  • Golpe Turchia, migliaia di arresti. Accuse a Usa: "E' stato Gulen"
  • Turchia, golpisti in fuga: frontiere e aeroporti chiusi
  • Turchia, fallito golpe, come la gente cercava rifugio nelle sparatorie Nella FOTO, sparatoria in corso nella notte a Istanbul gente al riparo del gard rail
  • Turchia, fallito golpe, come la gente cercava rifugio nelle sparatorie Nella FOTO: Ankara sparatorie in corso al mattino di sabato
  • Turchia, Erdogan parla a Cnn. Fonti Usa: "In fuga verso Germania"
Immagine 1 di 15