Blitz quotidiano
powered by aruba

“Vampiro” a Londra: costringe donna a bere suo sangue durante rapporto e…

LONDRA – Luke McCarthy, 28enne londinese, è accusato di aver stuprato due donne, costringendole a pratiche sessuali estreme. Secondo quanto riportato da Metro, l’uomo, attualmente sotto processo, avrebbe inoltre obbligato una di queste a bere il suo sangue, fuoriuscito da una ferita a forma di croce, che lui stesso si sarebbe procurata sul petto. Avrebbe poi a sua volta morso la gamba della partner, immobilizzandola con tecniche di bondage. “Mi ha preso per la testa facendomi succhiare, non avevo scelta, ho dovuto “, ha detto la vittima, che ha spiegato di essere stata colpita sul volto con un pugno e costretta a dormire con la testa in una gabbia.

McCarthy è accusato dello stupro di una seconda donna, incontrata nel clud Antichrist a Vauxhall, quartiere della zona sud di Londra. Quest’ultima lo ha descritto come “molto controllato” e “molto appassionato di dominio”, alludendo alle pratiche sessuali sadomaso e di dominazione/sottomissione. McCarthy ha affermato che la donna gli avrebbe detto che le “piaceva essere immobilizzata” e che era semplicemente obbligato a farlo. “Si è lamentata del fatto chemi stessi fermando e ha detto che stava godendo e che avrei dovuto continuare”, ha detto l’imputato.

Da parte sua McCarthy si difende sostenendo che il era consensuale e che l’atto di “vampismo” era simbolico, in modo da poter creare un “collegamento speciale” tra due partner durante l’atto. L’uomo nega perciò i quattro capi di imputazione per stupro, secondo i quali avrebbe violentato la sua prima vittima due volte, nel 2009, e la seconda donna per due volte tra il 2012 e 2013.