Blitz quotidiano
powered by aruba

Vecchia lampada in casa: era porcellana cinese, venduta a 600mila sterline FOTO

LONDRA – Controllate se in casa avete oggetti antichi, potrebbero valere più di quanto immaginate. Quella che una coppia di scozzesi ha usato come semplice lampada per 50 anni, si è scoperto che in realtà è una porcellana cinese, un porta cappello, poi venduta a 600.000 sterline.  E emerso, infatti, che si tratta di un raro manufatto cinese risalente a 200 anni fa: una porcellana alta 25 cm., con decoro a nove draghi e realizzata per l’imperatore Dauguang nella Cina imperiale della dinastia Qing.

Si pensa si trovasse in una casa di campagna e venduta nel 1950, in un momento in cui le opere d’arte cinesi non erano tenute in grande considerazione.
La coppia l’ha poi acquistata per la loro casa in Galles del Nord e trasformata in una lampada completa di paralume color crema ornato da nappine, ignara di avere tra le mani un piccolo tesoro.

E’ rimasta su un tavolo fino a qualche anno fa, quando un altro acquirente l’ha portata a valutare alla casa d’aste Christie che ha confermato i 200 anni di storia della porcellana, realizzata tra il 1820 e il 1850.

E’ stata messa in vendita all’asta a una base iniziale di 300.000 sterline ma il prezzo finale è salito vertiginosamente, fino a raggiungere il doppio. E’ stata venduta a un acquirente anonimo dell’Asia.

Ivy Chan, un esperto di arte asiatica alla Christie, ha dichiarato: “Questo affascinante oggetto è stato tenuto in una casa nel Galles del Nord per oltre 50 anni, e utilizzato come lampada”.

“In realtà è un porta cappello cinese che risale a 200 anni fa. Il fatto che sia finito in Gran Bretagna fa parte di una continua e lunga storia di oggetti che escono dall’Asia”. “La storia di questa porcellana risale al 1953, quando è stato acquistato in una casa di campagna da una coppia del Galles del Nord”.

“Il fatto che abbiano trasformato il prezioso oggetto in una lampada, fa pensare che non l’abbiano pagato molto e non si rendevano conto del suo valore”.

“E’ un miracolo che sia rimasto in buone condizioni ed è stata una piacevole sorpresa quando il venditore l’ha portato da noi”.

“Il pezzo risale al periodo Daoguang, alla prima parte del XIX sec. e fa capire l’opulenza nella corte Daoguang, in cui l’abbigliamento simboleggiava rango e status”.

“Il tipo di cappello che si indossava era molto importante e, quando si toglieva, venivano esposti su porcellane decorate, belle ed elaborate, proprio come questa”.

“Il porta cappello è giallo e verde decorato da nove draghi che simboleggiavano il potere divino. E’ stato realizzato per una persona importante, probabilmente per lo stesso imperatore Daoguang; è una bella opera d’arte che, inoltre, dimostra la maestria degli artigiani”.


TAG: