Cronaca Europa

Voto Gb. Caos Labour per ”leak” programma, Tories attaccano

Jeremy Corbyn

Jeremy Corbyn

GB, LONDRA – E’ caos nel Labour britannico dopo il ‘leak’ sulla stampa del Regno Unito che ha rivelato il programma per le elezioni dell’8 giugno, che prevede la nazionalizzazione di ferrovie, compagnie energetiche e Royal Mail, e ha esposto l’opposizione alle critiche dei Tory.

Nel partito già fortemente diviso si alimentano veleni, accuse reciproche e i sospetti sui tentativi di boicottare la campagna del leader Jeremy Corbyn, che ha rinunciato ad un evento in programma oggi per concentrarsi sulla stesura finale del documento programmatico.

Ad aumentare la confusione del ‘leak’ il fatto che bozze diverse del manifesto sono arrivate ai media britannici. In una di queste si afferma rispetto alla Brexit che il Labour non intende lasciare l’Unione europea se non verrà trovato un accordo con Bruxelles.

Intanto i conservatori ne approfittano e attaccano. “La Gran Bretagna rischia di tornare indietro agli anni Settanta”, titola in prima pagina il Daily Telegraph. Mentre esponenti Tory affermano che il Labour vuole condannare il Paese alla rovina.

To Top