Blitz quotidiano
powered by aruba

WhatsApp al lavoro, dipendenti pubblici rischiano licenziamento. In Russia…

MOSCA – Se siete un dipendente pubblico in Russia non utilizzate WhatsApp: rischiate il licenziamento. Il governo russo ha chiesto ai Servizi di Sicurezza Federale (FSB) di sviluppare un sistema per punire i funzionari statali “pizzicati” a utilizzare applicazioni di messaggi “non certificate”, come appunto WhatsApp, per la corrispondenza di lavoro.

Secondo il quotidiano Izvestia, i funzionari potrebbero essere licenziati se sorpresi a utilizzare un’app qualsiasi presente nella ‘lista nera’, che comprende WhatsApp, Viber e Telegram. L’iniziativa è stata presentata questa settimana dalla commissione dell’amministrazione presidenziale preposta a monitorare internet e l’FSB si è impegnato a preparare i regolamenti necessari per il divieto entro la metà del 2017.

L’iniziativa arriva dopo che il ministero della Difesa ha suggerito di vietare ai funzionari statali e militari l’uso di qualsiasi applicazione estera per la corrispondenza in ambito di lavoro.