Blitz quotidiano
powered by aruba

25 aprile, Brigata ebraica contestata al corteo di Milano

MILANO – Momenti di tensione a Milano al passaggio della Brigata ebraica all’interno del corteo del 25 aprile in pizza San Babila, abituale luogo di ritrovo di associazione per la liberazione della Palestina. Al grido di “fascisti” e “fuori i sionisti” il corteo è faticosamente passato tra reciproci insulti.

Un centinaio di manifestanti appartenenti ad aree antisioniste e a movimenti per la liberazione della Palestina hanno aspramente manifestato prima contro il gruppo che si trovava sotto le bandiere della Brigata Ebraica e poi contro il passaggio dello spezzone del Partito Democratico.

Al grido di “sionisti” e di “venduti” da una parte e dall’altra di “studiate la storia” e canzoni partigiane intonate a gran voce, i più facinorosi si sono confrontati anche con qualche momento di forte tensione ma senza nessun contatto per il muro operato da un folto schieramento di forze dell’ordine.

“Erano 40 persone. Sono antisemiti ci sono in Europa e questo si sa”. Così il candidato sindaco del centrodestra a Milano, Stefano Parisi, ha commentato le contestazioni subite in piazza San Babila dalla Brigata ebraica, dove anche lui sta sfilando per il corteo del 25 aprile. “Non dovrebbero manifestare, sono fascisti e antisemiti. Sono quattro gatti che hanno interrotto la bellezza del corteo”.


TAG: