Blitz quotidiano
powered by aruba

Abusò della figlia della compagna: condannato a 8 anni

ROVIGO – E’ accusato di aver violentato la figlia dell’allora compagna, una bambina di appena 8 anni. Oggi, a distanza di 10 anni l’uomo è stato riconosciuto colpevole dal Tribunale di Rovigo e condannato a scontare 8 anni di carcere. Alla vittima, ormai maggiorenne, dovrà inoltre corrispondere 100 mila euro a titolo di risarcimento.

La sentenza, di primo grado, si riferisce ai fatti avvenuti in un pomeriggio d’Estate del 2006 a Lama Polesine, in provincia di Rovigo. La piccola si era addormentata nel lettone matrimoniale che la mamma condivideva con il suo nuovo compagno.

Approfittando di quel sonno immacolato, l’uomo che all’epoca aveva 56 anni, si sarebbe sdraiato accanto alla bimba e avrebbe cominciato ad allungare mani mentre era ancora confusa nel dormiveglia. Dopo averla spogliata le sarebbe poi salito addosso, bloccandola nei movimenti, e costringendola ad avere un vero e proprio rapporto .