Blitz quotidiano
powered by aruba

Aereo Renzi 175 milioni, aereo Cameron 10 milioni

ROMA – Aereo Renzi 175 milioni, aereo Cameron 10 milioni. Sul nuovo aereo presidenziale, frettolosamente chiamato Cam Force One, David Cameron ci farà giusto un rapido giro, un salto a Varsavia venerdì prossimo alla conferenza Nato: poi il gioiellino da 10 milioni di sterline verrà utilizzato da qualcun altro. Una beffa segnala il Daily Mail, l’inner circle del prime minister già scaduto mastica amarissimo: “Dave meritava il suo aereo personale. Ma l’idea che quell’infido traditore di Michael Gove, possa volare intorno al mondo in vip class, sentendosi una specie di J.F.K. non si può nemmeno immaginare”.

Certo non va troppo lontano dal vero chi scorga congiure e pugnali tra i Tories alle prese con la gestione della Brexit, ma a noi italiani fa più impressione una cifra, il prezzo dell’aereo: 10 milioni di sterline! Perché il conto rimanda subito a quello di un altro aereo presidenziale, il Renzi Force One, per restare al “vorrei ma non posso”: quello di Renzi appunto vale la bellezza di 175 milioni di euro. Nemmeno fosse tutto d’oro zecchino.

Come fa Cameron – che per aver perso una scommessa non se lo godrà che un giorno, giusto il tempo di aumentare i rimpianti – a spendere praticamente dieci volte di meno? Intanto il vecchio primo ministro laburista Gordon Brown aveva bloccato l’operazione nel 2008 perché giudicata troppo cara. Poi, in realtà, l’Air Force One britannico non è che un normale Voyager 330 della Raf “truccato”: porterà fino a 160 posti, sofisticate migliorie tecnologiche consentiranno al velivolo di attraversare in sicurezza anche no fly-zone.

Consentirà, secondo i piani, risparmi consistenti per il contribuente inglese (775mila sterline l’anno) sui viaggi del primo ministro. Si può dire lo stesso dei viaggi di Renzi? Attenzione perché, insegna Cameron, l’Air Force One non porta bene, tutt’altro.