Blitz quotidiano
powered by aruba

Aeroporto Fiumicino: puoi fare carta identità in 10 minuti

ROMA – All’aeroporto di Fiumicino, non tutti lo sanno, c’è uno sportello per rinnovare la carta d’identità al volo. Sì perché a volte si arriva al gate senza documento o con la carta scaduta: per i voli all’interno dell’Unione basta questo documento e c’è un apposito sportello che lo rinnova in tempi record. Ne parla Il Giornale:

Si tratta di una sportello, situato all’aeroporto Leonardo da Vinci ch permette ai viaggiatori più sbadati di aver in pochi minuti una nuova carte d’identità. Un’iniziativa che potrebbe presto espandersi anche in diversi Comuni italiani. Il progetto, che oramai è diventato una realtà, è scattato da un anno e mezzo. Il Comune di Fiumicino ha posizionato al terminal 3 dell’aeroporto romano lo sportello “Carta d’identità al volo”. Da subito è stato un successo. Solo nel 2015 sono stato 2.500 i viaggiatori che sono corsi a rinnovare il documento, poco prima di un viaggio. Praticamente, come riporta Il Messaggero, una decina di passeggeri al giorno. L’ufficio è aperto dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18 e al sabato dalle 8 alle 14.

Esterino Montino, sindaco di Fiumicino, racconto: “l servizio funziona ed è particolarmente apprezzato. Sono tanti gli attestati di stima e le lettere di ringraziamento arrivate in Comune. Solo nella giornata di oggi sono state rilasciate 15 carte d’identità. Ci sono anche casi in cui non sono i turisti a ottenere il nuovo documento, ma chi deve prendere l’aereo per partecipare a un concorso, effettuare un intervento o sostenere un colloquio di lavoro”. Lo sportello non è nient’altro che un’estensione dell’ufficio anagrafe del Comune di Fiumicino. Ma i cittadini di tutta Italia possono chiedere la carta d’identità last minute. In 18 mesi di attivitò lo sportello ha dato risposte a 4.500 viaggiatori. Il servizio funziona grazie a una piattaforma informatica online collegata alle banca dati di alcuni comuni italiani. E come fare per ottenere il nuovo documento? Nulla di più semplice: “Bisogna andare al box, munito di titolo di viaggio, restituire il documento scaduto o deteriorato oppure presentare la denuncia di smarrimento unitamente ad altro documento di riconoscimento alla presenza di due testimoni. Il costo dell’operazione è di 30 euro”. Un’idea che potrebbe essere adottata in molti Comuni italiani. Soprattutto leggendo le cifre e gli incassi che ha prodotto: ben 130 mila euro in un anno.