Cronaca Italia

Agguato a Caivano (Napoli): Antonio Varracchio freddato in strada

Agguato a Caivano (Napoli): Antonio Varracchio freddato in strada

Agguato a Caivano (Napoli): Antonio Varracchio freddato in strada (Foto Ansa)

NAPOLI  –  Agguato a Caivano, in provincia di Napoli. Un imprenditore di 52 anni, Antonio Varracchio, titolare di un’azienda di commercializzazione di carni, è stato ucciso da alcuni sicari che gli hanno sparato contro numerosi colpi d’arma da fuoco mentre si trovava a bordo della sua auto.

I carabinieri stanno analizzando le ultime ore di vita, i contatti e le attività dell’azienda di Varracchio. Forse sono due i sicari entrati in azione. Di sicuro le modalità dell‘agguato fanno pensare che il mandato ricevuto dai killer era quello di non lasciare scampo alla vittima.

Si farà luce anche sulle attività economiche dell’uomo. Usura, racket o altro: tutte le piste sono al vaglio dei militari, anche se quella della rapina sfociata in omicidio viene considerata dai carabinieri meno plausibile.

Come sottolinea il Mattino, 

Varracchio, 52 anni, di Crispano, incensurato, non aveva con sé i documenti è stata riconosciuto dalla moglie. (…) Si esclude la pista di un tentativo di rapina finita nel sangue. Si tratta, più verosimilmente, di una vera e propria esecuzione. Le indagini sull’agguato sono coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia.

(…) Varracchio, che era incensurato, qualche anno fa era stato fermato dai carabinieri in compagnia di alcuni pregiudicati per camorra. Due anni fa venne fatto un attentato in una concessionaria attigua all’abitazione di Varracchio: pare che gli attentatori volessero invece colpire proprio l’imprenditore.

To Top