Cronaca Italia

Alatri, Emanuele Morganti. Lo zio dei fratellastri: “Famiglia Palmisani scappata per le minacce”

Alatri, Emanuele Morganti. Lo zio dei fratellastri: "Famiglia Palmisani scappata per le minacce"

Alatri, Emanuele Morganti. Lo zio dei fratellastri: “Famiglia Palmisani scappata per le minacce”

ROMA – Alatri, Emanuele Morganti. Lo zio dei fratellastri: “Famiglia Palmisani scappata per le minacce”. “La famiglia di Paolo abita qui. Sono dovuti andare via per le minacce ricevute”. A raccontarlo è lo zio di Paolo Palmisani, uno dei due ragazzi fermati la notte scorsa per l’omicidio di Emanuele Morganti. “È assurdo, non riesco ancora a crederci – spiega -. Mi chiedo, se è vero quello che raccontano, come abbia fatto tutta quella gente a restare ferma senza intervenire. Siamo distrutti”.

“Due famiglie distrutte”, ha aggiunto. “Paolo è magrolino, bulletto come tutti i ragazzi della sua età, magari un po’ di più con qualche bicchierino di troppo – racconta -. Quello che è successo è colpa delle cattive compagnie”.

“I due fermati sono fratellastri e si erano rifugiati da parenti una abitazione nella zona est di Roma – ha riferito il comandante provinciale dei carabinieri di Frosinone Giuseppe Tuccio – non erano armati e non hanno opposto resistenza. Sono stati poi portati a Regina Coeli”.

Al vaglio degli investigatori l’ipotesi che causa scatenante dell’efferatezza delle aggressioni forse un mix di alcol e droga assunto dagli autori.

To Top