Blitz quotidiano
powered by aruba

Alessandra Monti, attrice di Incantesimo di nuovo a processo

ROMA – Alessandra Monti, attrice della fiction Rai “Incantesimo” è ancora nei guai con la giustizia. Dopo esser stata condannata a 3 anni e 6 mesi di reclusione per estorsione e lesioni gravi, ora è finita sotto processo per molestie all’ex coniuge. Secondo quanto riportato da Il Tempo, l’attrice tra le protagoniste della fiction Rai Incantesimo è stata denunciata il 4 dicembre del 2011 per “reato di disturbo o molestia alle persone”: avrebbe fatto diversi squilli all’ex, prima che lui richiamasse il numero sentendosi rispondere da un uomo “che c…o vuoi da Alessandra?”.

Dopo aver risposto “volevo dire di non disturbarmi” l’uomo, preoccupato per la propria incolumità, ha denunciato l’accaduto alle forze dell’ordine e la vicenda verrà discussa in aula. La Monti, oltre alla condanna per estorsione, era già finita nel mirino della giustizia per aver investito due carabinieri a bordo della sua Mercedes dopo essere stata fermata ad un controllo.

Andrea Ossino per Il Tempo scrive:

Secondo la procura infatti la donna, il 4 dicembre del 2011, sarebbe stata denunciata «in ordine al reato di disturbo o molestia alle persone», si legge negli atti a disposizione degli inquirenti. Quel giorno di dicembre infatti, l’ex coniuge si sarebbe rivolto ai carabinieri della stazione Flaminia. «Lo stesso riferiva, nella circostanza – continua la denuncia stilata dai militari – di aver ricevuto numerosi squilli sulla sua utenza telefonica». L’intestataria del numero da cui venivano effettuate quelle chiamate, era proprio l’ex moglie, Alessandra Monti. L’uomo, dopo un po’, era infastidito e allo stesso tempo preoccupato. Così aveva chiamato l’attrice. Dall’altra parte della cornetta però, a rispondere c’era una voce maschile: «Che c..o vuoi da Alessandra» avrebbe affermato l’uomo al telefono. «Volevo dirle di non disturbarmi» avrebbe risposto la vittima. La questione era presto approdata in tribunale perché l’ex coniuge «riferiva di essere amareggiato e preoccupato per la sua incolumità fisica». La vicenda verrà discussa in aula, ma effettivamente la vittima aveva qualcosa di cui preoccuparsi. Gli episodi che hanno coinvolto la star certamente non rassicurano. Appena un mese fa infatti, l’imputata è stata condannata a scontare 3 anni e 6 mesi di reclusione.

Le accuse non erano lievi: estorsione e lesioni aggravate. La donna infatti sarebbe stata truffata da Gianfranco Lande. Ma mentre tutte le vittime si erano affidate alla giustizia, la Monti avrebbe preferito una strada, secondo lei, più rapida. In un primo momento infatti, a ridosso del crack, l’attrice avrebbe chiesto il denaro perso a Giampiero Castellacci De Villanova, il collaboratore di Lande che la convinse ad investire nelle società poi fallite. Le risposte dell’uomo però sarebbero state ambigue. Così l’attrice lo avrebbe “gentilmente” scortato in banca facendosi consegnare dieci assegni per un valore complessivo di 117 mila e 500. Naturalmente non si tratta di una condanna definitiva. All’attivo la donna ha anche avuto altri appuntamenti con la giustizia. Come quando fu costretta a difendersi dall’accusa di aver investito, a bordo della sua Mercedes, due carabinieri colpevoli di averla fermata per un controllo. In un’altra occasione, è stata accusata di aver accusato ingiustamente di maltrattamenti l’ex compagno.


TAG: ,