Blitz quotidiano
powered by aruba

Alessandro, svolta nelle indagini: era in compagnia di altri minori

ROMA – Ci potrebbe essere una svolta nelle indagini relative alla morte di Alessandro, il bambino di 11 anni trovato morto il 3 ottobre in un canale di via di Campo Salino a Maccarese, nel comune di Fiumicino.

All’inizio dell’inchiesta non era addirittura stato escluso il gesto volontario, acquisendo la testimonianza di un’insegnante della scuola del bambino. Sono stati poi ascoltati i vicini di casa e gli amichetti con cui Alessandro giocava nel giardino dell’abitazione dei nonni, interrogatori secretati e svolti con l’ausilio di psicologi e specialisti.

E proprio qui potrebbe essere la svolta. Come scrive Il Messaggero, secondo le indiscrezioni trapelate, sarebbero proprio le testimonianze di alcuni minori a non aver convinto gli inquirenti: Alessandro sarebbe arrivato al canale assieme a dei coetanei. Venerdì 21 ottobre il dottor Luigi Cipolloni consegnerà i risultati definitivi dell’autopsia sul corpo del bambino per chiarire se la morte sia addebitabile ad un malore o ad annegamento, o a una concausa di fattori.


PER SAPERNE DI PIU'