Blitz quotidiano
powered by aruba

Alessandro Mannarino condannato a 18 mesi per rissa

ROMA  – Alessandro Mannarino condannato a 18 mesi per rissa. E’ stato condannato ad un anno e mezzo di reclusione il cantante romano Alessandro Mannarino che nel giugno del 2014 rimase coinvolto in una rissa fuori da un locale sul lungomare di Ostia a Roma. Lo ha deciso il giudice monocratico del Tribunale capitolino, Clementina Forleo, che ha riconosciuto l’artista colpevole dei reati di rissa e resistenza a pubblico ufficiale.

La sentenza ha riguardato anche il fratello del cantante, Paolo, a cui è stata inflitta una multa di 300 euro per l’accusa di rissa mentre è stato assolto dal reato di resistenza. Una terza persona, che avrebbe fronteggiato i due Mannarino, è stata invece condannata al pagamento di una multa di 200 euro. I fatti avvennero due anni fa fuori ad un locale sul Lungomare di Ostia. A scatenare la rissa alcune frasi ingiuriose che un gruppo di ragazzi rivolsero alla sorella del cantante.

Era il 19 giugno 2014 quando Mannarino restò coinvolto nella rissa che si concluse con l’arresto del cantante:

La situazione è degenerata mentre il cantautore si trovava in un locale di Ostia in compagnia di un gruppo di amici e del fratello. Forse un bicchiere di troppo, qualche scambio di battuta con altre persone dentro il locale: uno spintone e gli animi si sono surriscaldati. Sono intervenuti i buttafuori per evitare che la situazione degenerasse e sul posto è arrivata la polizia, ma Mannarino avrebbe opposto resistenza anche con gli agenti.

Immagine 1 di 4
  • Alessandro Mannarino condannato a 18 mesi per rissa 4
  • Alessandro Mannarino
  • Italian singer Alessandro Mannarino performs during the concert of the International Workers' Day (also known as May Day) at San Giovanni's square in Rome, Italy, 01 May 2012. ANSA/ALESSANDRO DI MEO
Immagine 1 di 4