Cronaca Italia

Terremoto Centro Italia, allevatori: “Mucche rischiano di morire senza stalle” FOTO

PIEVE TORINA (MACERATA) – ”Abbiamo perso due mesi. Moduli su moduli da riempire, un sacco di burocrazia, e intanto le mucche rischiano di morire assiderate sotto la neve, e i lupi hanno già sbranato due vitellini appena nati”.

Nelle zone del sisma sono decine le stalle distrutte o gravemente lesionate dalle scosse di agosto e ottobre, e migliaia i capi di bestiame, vacche e pecore, che, rientrati a valle dai pascoli estivi, non hanno più trovato un riparo. Attilio Rivelli è uno dei dieci allevatori di Pieve Torina (Macerata).  La sua quotidianità è tutta in salita. ”Con mio zio – racconta all’Ansa – gestisco un’azienda zootecnica che dà lavoro anche ad un’altra famiglia. Abbiamo 150 mucche da carne, la casa inagibile, due stalle senza tetto. Il primo mese ce la siamo cavata, con la neve sono arrivati i guai”. Il paese non l’hanno abbandonato, dormono in un camper e in un container ‘‘comprato a spese nostre”. 40 mucche sono state ospitate nella stalla vuota di un amico, ”le altre le abbiamo sistemate sotto una tettoia esterna. Ma di notte fa -15 gradi, l’acqua nelle tubature gela, gli animali non potranno andare avanti a lungo in queste condizioni”.

I Rivelli erano pronti ad acquistare una stalla mobile con soldi loro, ”ma ci hanno detto aspettate, aspettate…un rimpallo continuo fra Protezione civile e Regione. Ogni volta manca qualche carta, ora addirittura hanno chiesto al Comune le schede Aedes che avevano fatto loro”. In due mesi e mezzo, sostiene Attilio, ”una baracca per gli animali si poteva fare eccome. Io di moduli ne ho chiesti 4, ma se arrivano a primavera sono troppi, e pagati con i soldi dei contribuenti”. Giusto, riconosce, ”mettere dei paletti, ma qui non si può neppure parlare di ritardi: i moduli devono ancora ordinarli!”.

San raffaele

”La verità – osserva – è che nessuno dopo il sisma di agosto si aspettava un secondo terremoto così devastante, che ha colto tutti impreparati”. La Coldiretti ha rivolto un appello a fare presto con i container, ma intanto Attilio fa i conti con un 2017 che sarà a reddito zero: ”Le mucche devono sopravvivere, altro che accrescimento ponderale. Spenderemo di più per un’alimentazione più ricca, e non potremo portarle al macello. Se va bene, se ne riparla nel 2018”. Un capo da carne costa 2 mila euro. Il conto è presto fatto (foto Ansa).

To Top