Blitz quotidiano
powered by aruba

Alta velocità, abbonamento non utilizzabile? Sarai risarcito

TORINO – I pendolari che non potranno utilizzare il loro abbonamento sui treni dell’Alta Velocità di Trenitalia ed Ntv verranno risarciti. A stabilire la necessità di un risarcimento è l’Authority dei Trasporti, che dopo le proteste dei pendolari ha stabilito come le informazioni debbano essere trasparenti e mantenere il diritto al cambio di prenotazione.

Alessandro Mondo scrive su La Stampa che i pendolari che utilizzano l’Alta Velocità avranno diritto ad un rimborso, come spiega in un provvedimento l’Authority dei Trasporti:

“«I passeggeri titolari di abbonamenti e in pos di prenotazioni registrate sui sistemi di vendita del gestore del servizio – si legge nel provvedimento – qualora abbiano subito ritardi o soppressioni di servizio ripetuti durante il periodo di validità dell’abbonamento, hanno diritto a un indennizzo adeguato, determinato secondo criteri di calcolo dei ritardi e dell’indennizzo specifici, e differenziati rispetto a quelli previsti dai gestori dei servizi con riferimento ai titoli di viaggio singoli».

Un punto fermo nella perpetua polemica tra i pendolari e i gestori del servizio ferroviario. Inoltre: «Se il gestore del servizio consente all’abbonato di effettuare la prenotazione del posto successivamente all’acquisto dell’abbonamento,l’abbonato ha diritto a veder soddisfatto nella giornata il proprio programma di viaggio per la tratta relativa all’abbonamento». Ove ciò non sia possibile, precisa l’autorità, l’abbonato ha diritto al rimborso dell’ulteriore biglietto di viaggio acquistato per viaggiare su un altro treno.

Sono questi i punti più significativi del provvedimento dell’Authority, che interviene però su altre questioni: dal diritto alle informazioni necessarie – con modalità trasparenti e gratis – fino ai diritti sull’utilizzo degli abbonamenti (i titolari di abbonamento hanno diritto al cambio di prenotazione indipendentemente dal canale utilizzato per effettuare la prenotazione). Non ultimo : il diritto del viaggiatore all’indennizzo in caso di ritardi o soppressioni di treni”.


PER SAPERNE DI PIU'