Blitz quotidiano
powered by aruba

Amatrice: individuato cadavere nella frazione di Casale

AMATRICE (RIETI) – I vigili del fuoco hanno individuato il cadavere di una persona sepolta sotto le macerie di Casale, una piccola frazione a poca distanza da Amatrice. Il corpo è stato individuato dal nucleo Usar (Urban serch and rescue) del Lazio tra le macerie di un’abitazione anche se ci vorrà del tempo prima di recuperarlo e quindi identificarlo.

Intanto per gli sfollati le comunicazioni migliorano grazie al wifi nelle tendopoli. Succede in quelle di Arquata del Tronto e Pescara del Tronto da venerdì pomeriggio, quando è stata terminata la posa di cavi in fibra ottica stesi appositamente per dare l’accesso a Internet agli sfollati del terremoto. Il collegamento è stato realizzato utilizzando i cavi in fibra ottica già portati nei due centri, effettuando però dei bypass agganciati a carri mobili della Tim che catturano il segnale.

L’operazione più complessa ha riguardato il collegamento per la tendopoli di Pescara del Tronto, un campo allestito sulla Ss Salaria. Il cavo di fibra ottica ha attraversato due chilometri di bosco prima di arrivare al campo. Ciascuna delle due reti ha una potenza di 40 mega e mette in collegamento i pc delle tendopoli con Internet tramite piccole antenne aeree da cui viene diramato il segnale. Tra gli oggetti che gli sfollati chiedono ai vigili del fuoco di recuperare nelle proprie case, ci sono computer portatili, tablet e smartphone.