Blitz quotidiano
powered by aruba

Andrea Pirlo, il nipotino di 2 anni morto annegato in piscina

ROMA – Tragedia per il campione di calcio Andrea Pirlo: il nipotino di appena 2 anni è morto annegato nella piscina della sua casa a Brescia. E’ accaduto mercoledì 29 giugno in serata.

Doveva essere una giornata di festa: mamma Simona e papà Alberto (cugino di Pirlo) stavano festeggiando l’onomastico del piccolo Pietro in compagnia di una coppia di amici con la loro bimba. Non è chiaro cosa sia successo, se Pietro sia inciampato o sia stato colpito da un malore. Quando i genitori si sono accorti che il bimbo si era allontanato era ormai troppo tardi: lo hanno trovato riverso in piscina, privo di sensi. Poi la disperata corsa all’ospedale di Brescia, ma un’ora dopo il ricovero il piccolo Pietro è spirato.

La dinamica dell’incidente è ora al vaglio degli inquirenti: si cerca di capire se abbia battuto la testa dopo essere inciampato o se la caduta in piscina sia stata dovuta ad altre motivazioni. Sulla salma del bimbo è stata disposta l’autopsia. I genitori hanno donato le cornee del bambino.