Blitz quotidiano
powered by aruba

Angela Celentano: genitori credono a Celeste Ruiz

SORRENTO – Il 10 agosto di venti anni fa la scomparsa, in circostanze ancora inspiegabili, durante una gita sul Monte Faito, nel Napoletano. Nel 2016, in occasione di un anniversario che vuole essere soprattutto di speranza, è stata inaugurata a Sorrento (Napoli), una mostra fotografica sulla storia di Angela Celentano, la bambina di cui non si sono più avute notizie.

A parlare della vicenda i genitori, Catello e Maria, e l’avvocato, Luigi Ferrandino, che hanno anche sottolineato come l’impegno delle autorità italiane abbia spinto il Messico ad intensificare gli sforzi alla ricerca di Celeste Ruiz, una ragazza che si era messa in contatto con la famiglia, prima di sparire nel nulla, dicendo di essere Angela. Nel nome della piccola annunciata anche la nascita di una struttura per minori in difficoltà.

Aggiunge Ciriaco Viggiano sul Messaggero:

i coniugi Celentano hanno fatto il punto sull’inchiesta su Celeste Ruiz, la ragazza messicana che nel 2010 affermò di essere Angela e di non voler essere più cercata: una vicenda sulla quale indaga la Procura di Torre Annunziata. “Gli esami effettuati dal Ris e da esperti israeliani di nostra fiducia hanno chiarito che la foto inviataci via mail da Celeste non è ritoccata né contraffatta, anzi presenta evidenti punti di contatto con il probabile volto di Angela – ha spiegato Catello Celentano – Ecco perché quella messicana resta la pista più credibile”.

Nei giorni scorsi, le autorità centramericane hanno offerto la cifra di un milione e mezzo di pesos (l’equivalente di circa 80mila euro) a chiunque fornisca informazioni utili a rintracciare Celeste Ruiz oppure Angela o, in alternativa, a individuare coloro i quali tengono la ragazza sotto sequestro. Un’iniziativa frutto delle pressioni recentemente esercitate sulle autorità messicane dal premier Matteo Renzi, dal ministro Andrea Orlando, dal procuratore nazionale antimafia Franco Roberti e dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “Per la prima volta sentiamo forte il sostegno delle istituzioni italiane a tutti i livelli – hanno aggiunto i coniugi Celentano – e questo è fondamentale per tenere i contatti con il Messico”.

Nel corso della conferenza stampa è stata presentata anche la mostra fotografica dedicata ad Angela: fino a venerdì sera, nel chiostro di San Francesco resteranno esposti 18 pannelli che, attraverso fotografie private e fermi-immagine di servizi televisivi, ripercorrono le fasi salienti della scomparsa di Angela e le successive ricerche.

Immagine 1 di 4
  • Angela Celentano, la mamma: "Mia figlia è viva, indagini riaperte in Messico"Angela Celentano, la mamma: "Mia figlia è viva, indagini riaperte in Messico"
  • Angela Celentano, task force con dna in Messico
  • Angela Celentano (foto Ansa)
  • Angela Celentano, l'Italia crede alla pista di Celeste Ruiz
Immagine 1 di 4