Cronaca Italia

Antonio De Carolis arrestato: ha ferito uomo alla gola a Meldola

Antonio De Carolis arrestato: ha ferito uomo alla gola a Meldola

Antonio De Carolis arrestato: ha ferito uomo alla gola a Meldola (foto d’archivio Ansa)

FORLI’ – E’ stato arrestato dai carabinieri con l’ipotesi di tentato omicidio Antonio De Carolis, 45 anni, giornalista noto in Romagna per la sua attività in una emittente televisiva e per essere il figlio di Stelio De Carolis, per oltre un ventennio politico di spicco del Pri, senatore per alcune legislature e con incarichi governativi in qualità di sottosegretario al ministero della difesa. De Carolis al culmine di una lite scoppiata, il pomeriggio del 29 gennaio, all’interno della sua abitazione a Meldola, sulle colline vicino Forlì, avrebbe colpito alla gola con un fendente scagliato con un paio di forbici un 31enne, già noto alle forze dell’ordine, ospite nella casa assieme ad una donna. Sarebbe stato lo stesso De Carolis a chiamare i soccorsi. Il 31enne è stato trasportato d’urgenza al trauma center dell’ospedale Bufalini di Cesena, e sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Non è in pericolo di vita, ma, sarebbe bastata una diversa traiettoria del fendente di pochi millimetri per danni potenzialmente mortali.

Secondo una prima parziale ricostruzione la coppia sarebbe stata ospite di De Carolis già dal pomeriggio del giorno prima. Tutti e tre avrebbero dormito sino a giovedì inoltrato. Successivamente lo stesso De Carolis avrebbe ricevuto sul telefonino un sms il cui contenuto ha scatenato la lite, con il padrone di casa intenzionato a far allontanare l’ospite. Pare che l’arrestato abbia giustificato il suo gesto come un atto di difesa dopo essere stato colpito durante la colluttazione. Le indagini dei carabinieri di Meldola, coordinati dal pubblico ministero Francesca Rago, proseguono per chiarire il contenuto dell’sms alla base della lite. Appena possibile sarà sentito anche il 31enne ferito. L’appartamento teatro del fatto di sangue è stato posto sotto sequestro.

To Top