Blitz quotidiano
powered by aruba

Arignano, vendesi castello con fantasma e tesoro. L’annuncio

ARIGNANO – Vendesi castello a Arignano, fantasma incluso L’annuncio è di quelli destinati a farsi leggere: “Vendesi antico e suggestivo castello nel Monferrato, completo di fantasma e tesoro”. Sembrerebbe quasi uno scherzo se a pubblicarlo non fosse uno dei più importanti portali in Italia di annunci immobiliari.

E così si scopre che il castello infestato si trova ad Arignano, paesino medioevale con poco più di mille abitanti a una ventina di chilometri da Torino. Per un ectoplasma degno di Ghostbusters il posto ideale, insomma, per metterci le tende. Originario del X secolo, con rivisitazioni del 1300, il castello sorge nel punto più alto di Arignano e si sviluppa su un corpo centrale rettangolare, 220 metri quadrati su tre livelli.

E’ dotato anche di una torre quadrata, cortile e grande giardino. Nessuna indicazione, nell’annuncio, del presunto tesoro, mentre sono in molti quelli pronti a giurare di avere visto il fantasma. Sarà per questo, o forse perché deve essere ristrutturato, che la cifra richiesta – 600 mila euro – non è così elevata.

L’annuncio completo pubblicato su Repubblica:

“Nel punto più alto di Arignano, piccolo paesino medievale, risalente a X secolo, sorto sulla sommità di una collina nel Monferrato a solo 20 chilometri da Torino – si legge nell’annuncio – c’è un antico e piccolo, ma imponente castello detto anche “Rocca di Arignano”. Ben visibile da lontano, il castello di Arignano mostra innanzitutto la sua torre quadrata e merlata, cui si affianca il robusto impianto del corpo principale. È massicia, dominante e suggestiva”.

“L’attuale struttura è frutto delle rivisitazioni architettoniche apportate, alla struttura originaria risalente al X secolo, nel corso dei secoli successivi da Marchesi, Feudatari e Signorotti fino al 1400. Dopo il XV secolo nulla o quasi è stato cambiato ed è in quel tempo che si viene proiettati visitando la Rocca. Un tempo di cavalieri, guerre, danze e banchetti. Tempi di tesori e di fantasmi che si dice siano ancora lì”.