Blitz quotidiano
powered by aruba

Carabiniere arrestato a Albenga. “Aiutava gli strozzini”

SAVONA – Un carabiniere di 52 anni è stato arrestato con l’accusa di favoreggiamento nei confronti di un usuraio cui avrebbe fornito informazioni riservate per rintracciare i suoi creditori. Il militare, finito agli arresti domiciliari, è il brigadiere Massimiliano Danzo  in servizio al nucleo Radiomobile di Albenga.

Il brigadiere è anche accusato di accesso abusivo alla banca dati dell’Arma. Arrestato il presunto usuraio Luca Selvaggio, 43 anni: per lui c’è la detenzione in carcere. L’operazione è stata condotta dai carabinieri del nucleo investigativo. Notificato anche l’obbligo di dimora a un terzo indagato, residente in provincia di Trapani.

L’inchiesta sarebbe nata da quella su Antonio Fameli, ritenuto dai carabinieri collegato alla cosca della ‘ndrangheta dei Piromalli, di Gioia Tauro che era stato arrestato nel maggio dello scorso anno con l’accusa di ripulire denaro sporco; e su Carmelo Gullace, ritenuto dagli inquirenti appartenente alla cosca “Raso-Gullace-Albanese” di Cittanova, arrestato per usura nel marzo del 2015.

Così il Secolo XIX:

Nei guai è finito il brigadiere 52enne Massimiliano Danzo, in servizio al nucleo Radiomobile, finito ai domiciliari con l’accusa anche di accesso abusivo alla banca dati dell’Arma; in carcere, invece, il 43enne Luca Selvaggio, con l’accusa di usura. Infine, obbligo di dimora per il coetaneo e terzo indagato, Massimiliano Dell’Orzo, attualmente residente in provincia di Trapani.