Blitz quotidiano
powered by aruba

Asilo nido Milano, Milena Ceres ai domiciliari, niente nozze

MILANO – Non potrà sposarsi Milena Ceres, è ai domiciliari e ci resterà fino a diversa decisione del giudice. Milena è la donna di 34 anni arrestata per le violenze sui bambini avvenute in un asilo nido nel quartiere Bicocca a Milano. Il sacerdote che avrebbe dovuto celebrare le nozze, nel paese d’origine di Milena in provincia di Avellino, è incredulo. Ne parla Il Mattino:

Don Vincenzo Malgieri è impacciato a raccontare di Milena Ceres, la sua parrocchiana che avrebbe dovuto unire in matrimonio ad un giovane milanese originario della Sardegna. «Una persona che ha lasciato tempo fa il paese, ma che ha espresso il desiderio di venire nella sua parrocchia a sposarsi. Tutti i documenti sono pronti, ma non so se verrà». Padre, non potrà: è ai domiciliari, Milena. «Lo so, lo so, i genitori sono in Lombardia per starle vicino, salterà tutto».

Milena ha un fratello, i genitori anziani, Pasquale in pensione dalle Ferrovie. Com’era Milena? «Non frequentava tanto, era fuori, ma era legata al paese e alla parrocchia» dice vago il sacerdote, da cinquanta anni a curare le anime tra Vallata e Caposele. Non gli sarà capitata mai una vicenda di simile gravità: desidera salvaguardare i suoi. Che tuttavia sono scatenati contro Milena: «Sei il nostro disonore», scrivono su Facebook. Imbarazzati anche gli amici: in rete una foto di un’affollata tavolata con Milena in un ristorante di Caposele nelle feste di fine d’anno. I giornali milanesi raccontano di Milena come consumatrice di hashish. I carabinieri la fermano a maggio in una piazza dello spaccio, zona Maciachini, la segnalano alla prefettura e la denunciano per pos, anche se per uso personale, di 10 grammi di stupefacente leggero. La donna è accompagnata dal suo convivente e prossimo marito Enrico Piroddi.


TAG: ,