Blitz quotidiano
powered by aruba

Atac Roma, Spiegel: “La peggior società di trasporti in Europa”

BERLINO – “L’Atac di Roma è la peggior società di trasporti in Europa” è il titolo di un lungo ed impietoso reportage sull’azienda di trasporto pubblico romana pubblicato sulla edizione online dello “Spiegel”, settimanale tedesco.

Nell’articolo firmato Hans-Jürgen Schlamp si legge che società di trasporto peggiori dell’Atac “possono esser trovate in qualche angolo remoto della terra, ma difficilmente in Europa. L’Atac di Roma da anni è un esempio per la sporcizia e per i ritardi record dei suoi mezzi“.

Il reportage sottolinea, fra l’altro, che dei 1.980 mezzi che l’azienda ha sulla carta ne circolano solo 1.400, “e nessuno sa dove stanno gli altri”, dando conto del “difficile lavoro” dell’Ad Marco Rettinghieri “che ha portato le carte alla magistratura”. E il settimanale tedesco ricorda anche “lo sciopero proclamato dai lavoratori in coincidenza con la prima partita della nazionale di calcio agli Europei di Francia”.

L’articolo compare sulla versione web dello Spiegel nel giorno in cui il neo-sindaco di Roma Virginia Raggi si trova ad affrontare il nodo delle dimissioni di Marco Rettighieri. Che ha spiegato: “Domani rimetterò il mandato nelle mani dell’amministratore unico Brandolese, nominato dal Comune. Penso sia un gesto istituzionale, elegante ed apprezzabile. Questo non vuol dire dare le dimissioni. Aspetterò di essere contattato dalla nuova amministratore. Se sono disposto a restare? Sono valutazioni da fare a suo tempo, non metto mai il carro davanti ai buoi”.

Le dimissioni annunciate dei vertici delle partecipate del Campidoglio? La questione, per l’entourage della neoeletta sindaco di Roma Virginia Raggi, “ha ovviamente un carattere di formalità“. Il primo cittadino, spiegano dal suo staff, “non appena insediato valuterà il lavoro svolto da ognuno ed effettuerà le opportune valutazioni, seguendo il principio del merito che da sempre connota l’azione politica del M5S, al fine di apportare un immediato e concreto miglioramento dei servizi offerti al cittadino”. “Questa è la sola direttrice che seguirà la futura amministrazione M5S in Campidoglio: migliorare i servizi in favore della cittadinanza” conclude l’entourage della Raggi. Dunque nessuno spoil system a priori ma solo “sul merito”.

“Su Atac noi abbiamo due strade: o quella della privatizzazione come vuole il Pd di Giachetti e per noi non è praticabile, oppure risanare l’azienda che deve tornare ad essere il fiore all’occhiello di Roma“: aveva detto la Raggi in campagna elettorale.

Sempre la Raggi, a proposito dello sciopero dell’Ugl in concomitanza con la partita dell’Italia, aveva detto: “Per me è una coincidenza. Poi c’è un fatto: Atac versa in una condizione pessima e gli autisti sono costretti a guidare in condizioni disastrose e sono sempre presi di mira come bersaglio dai cittadini esausti. Atac deve dare delle risposte”.

Il giorno della vittoria della Raggi a festeggiare con i 5 Stelle c’era l’autista Atac Micaela Quintavalle, attivissima leader di Cambia-menti m410, formazione sindacale “apolitica” che conta fra i suoi esponenti molti personaggi di destra.