Blitz quotidiano
powered by aruba

Audi gialla ricompare a Treviso: sfreccia col semaforo rosso

TREVISO – Dopo due giorni di silenzio l’Audi gialla è ricomparsa per le strade di Treviso. E’ sfrecciata a tutto gas sotto un semaforo rosso intorno alle 18 di lunedì 25 gennaio, dopo aver percorso a gran velocità via Schiavonia, che collega la strada Terraglio di Treviso con Casale sul Sile. Per poi scomparire nel nulla. Di nuovo.

A darne notizia è il quotidiano Il Gazzettino, secondo il quale l’avvistamento, a dispetto degli altri, sarebbe considerato concreto dai carabinieri.

Intanto il mistero della Audi gialla si infittisce, perché uno dei ricercati, un albanese di 32 anni, si è presentato alla Questura di Torino dicendo di non essere stato lui alla guida della Audi gialla e di non sapere come mai le foto di lui e dei suoi amici, che si trovano in Albania, siano state associate sui social network al caso dell’Audi gialla.

Diverse finora le segnalazioni nel Nord-Est: almeno quattro, scrive Il Corriere delle Alpi, e una conferma dalle videocamere di sorveglianza. In particolare giovedì 21 gennaio l’auto è stata vista a Longarone: anche qui si immetteva in una strada contromano e a gran velocità, ha raccontato un testimone.

L’ultima segnalazione risale a sabato sera quando, intorno alle 22, l’Audi gialla sarebbe stata vista lungo la Triestina nella zona di San Donà, ma gli investigatori pensano che i malviventi abbiano abbandonato l’auto. Intanto, però, la caccia continua sia sulle strade sia sui social. Sono ormai sempre più numerosi i gruppi di cittadini o semplici curiosi che postano articoli e commenti sulla ricerca della auto gialla. Tra questi, ‘Audi gialla’ (oltre 7 mila membri), ‘Audighost68′ (1300 iscritti), ‘Caccia all’Audi gialla’.

Immagine 1 di 11
  • Audi gialla, caccia continua: ma banditi non rischiano nulla
Immagine 1 di 11
Immagine 1 di 11
  • Audi gialla, caccia continua: ma banditi non rischiano nulla
Immagine 1 di 11