Blitz quotidiano
powered by aruba

Base jumper si butta a Chamonix e muore

AOSTA – Un altro incidente fatale per un base jumper. Un cittadino russo è morto lunedì 3 ottobre a Chamonix, in Alta Savoia (Francia), dopo essersi lanciato con la tuta alare ed essersi schiantato contro una casa. L’incidente è avvenuto verso mezzogiorno.

La vittima si era lanciata dall’Aiguille du Midi (a 3.800 metri di quota) ed è finita contro una casa appena terminata e non ancora occupata nella zona della stazione di Montenvers, a poche centinaia di metri dal centro della cittadina, quasi 3.000 metri più in basso. Il rumore dello schianto è stato udito da molti passanti. Sul posto è intervenuta la Gendarmeria.

Lo scorso 18 agosto, il base jumper altoatesino Uli Emanuele è morto schiantandosi contro una roccia. Il giovane, di 29 anni, si trovava a Lauterbrunnen in Svizzera, nel canton Berna. Uli Emanuele si era lanciato da una montagna in compagnia di due amici, quando si è schiantato contro la parete rocciosa. L’altoatesino era diventato famoso e una star di internet per il volo con la tuta alare attraverso un anello di fuoco e una “cruna d’ago” formata da una roccia. Un suo video caricato sul canale YouTube GoPro circa un anno fa (il secondo qui di seguito), ha raggiunto le 6 milioni di visualizzazioni.

Dall’inizio dell’anno, secondo Blinc Magazine, portale di appassionati della disciplina, in vari incidenti sono morti 36 base jumper in particolare nell’area del Monte Bianco e nel cantone bernese.