Blitz quotidiano
powered by aruba

Belluno, don Stefano muore davanti ai ragazzi durante escursione

BELLUNO – Si è sentito male davanti ai suoi ragazzi, don Stefano, ed è morto nel giro di pochi minuti. E’ successo sulle montagne in provincia di Belluno dove il sacerdote, 46 anni, stava guidando un’escursione insieme ad alcuni ragazzi. Ne parla Il Gazzettino:

Tragedia in Agordino, sulle montagne tra i boschi di Rivamonte. Poco dopo mezzogiorno alcuni ragazzi hanno lanciato l’allarme al 118 per quell’escursionista, conosciuto da tutti, colto da un malore: era don Stefano Pontil, parroco di Voltago. Mentre il gruppo si trovava a Casera Armarolo tra i boschi di Rivamonte, infatti, a circa 1.500 metri di altitudine, era sopraggiunto un escursionista che all’improvviso si era accasciato al suolo colpito da malore. Su indicazioni del Soccorso alpino di Agordo, l’elisoccorso del Suem di Pieve di Cadore ha individuato il luogo ed è atterrato nelle vicinanze, sbarcando tecnico, medico ed infermiere, che hanno a lungo tentato le manovre per rianimare il parroco, purtroppo invano. Don Stefano in mattinata si era messo in cammino con destinazione il Col Alt dove è avvenuta la tragedia. Era un prete e un uomo benvoluto da tutti ed era grandissimo amico degli animali: solo ieri sera sulla sua bacheca Facebook aveva condiviso queste parole contro chi adotta i cani senza amore: “Non prendete un cane. Mai. Lasciate stare. Ve lo dico col cuore in mano. Non prendetelo, per nessun motivo. Se ve ne viene la voglia, fatevela passare. Vi rovinerà la vita perché dopo aver trascorso un po’ di tempo con un cane, non sarete più gli stessi. Niente sarà più come prima. Vi sembrerà che il mondo come fino ad ora avete conosciuto non sia mai esistito”.


TAG: