Blitz quotidiano
powered by aruba

Belluno, maestra a processo: “Obbligò bimba a mangiare vomito”

BELLUNO – Una maestra di 43 anni è stata rinviata a giudizio con l’accusa di aver fatto mangiare a forza del cibo appena rigurgitato ad una bambina di 3 anni in una scuola di Belluno. La maestra dovrà comparire in tribunale il prossimo 20 settembre e rispondere delle accuse di abuso di mezzi di correzione e violenza privata.

Il Gazzettino scrive che il fatto risalirebbe a marzo del 2012 e il teatro è stata la classe dell’asilo di un comune nella provincia di Belluno. Secondo le indagini, è stata un’addetta alla cucina ad accorgersi del comportamento della maestra, che avrebbe continuato a mettere in bocca alla piccola un boccone appena risputato nel piatto, perché non voleva mangiare.

Una costrizione che portò la bimba a vomitare, ma anche in questo caso, secondo la ricostruzione dell’accusa, la donna le avrebbe rimesso in bocca parte del cibo. La maestra, che non aveva subito procedimenti disciplinari per l’episodio, è stata trasferita nel frattempo in un’altra scuola.


PER SAPERNE DI PIU'