Cronaca Italia

Bergamo, Gianna Del Gaudio uccisa in casa con una coltellata alla gola

Bergamo, Gianna Del Gaudio uccisa in casa con una coltellata alla gola

Bergamo, Gianna Del Gaudio uccisa in casa con una coltellata alla gola (Foto da Facebook)

BERGAMO – Una donna di 63 anni, Gianna Del Gaudio, è stata uccisa nella notte tra venerdì e sabato nella sua casa, una villetta di via Montecampione a Seriate (Bergamo). La donna è stata raggiunta da una coltellata alla gola. A chiamare i carabinieri è stato il marito, Antonio Tizzani: ha raccontato di aver visto un ladro incappucciato uscire da casa e di aver trovato la moglie morta in cucina. In realtà questa versione non avrebbe trovato riscontri nei rilievi dei militari, che hanno interrogando il marito e i figli della vittima. Il marito, un capostazione in pensione di 68 anni, è stato iscritto nel registro degli indagati. “Un atto dovuto”, fanno sapere dalla Procura. Tizzani è a piede libero.

Come riporta l’Eco di Bergamo, secondo le prime informazioni i militari non hanno rinvenuto nessun segno di effrazione a porte e finestre della casa. I carabinieri stanno cercando l’arma del delitto. Sono stati posti sigilli anche su una casa vicina a quella in cui è stato commesso l’omicidio. Un giovane è stato fermato intorno alle 13:30, ma sembra non c’entrare nulla con il delitto.

San raffaele

La donna, una ex insegnante ora in pensione, è stata uccisa con un profondo taglio alla gola. Era appena tornata da un pellegrinaggio a San Giovanni Rotondo. Aveva insegnato fino al 2015 all’Istituto Superiore Rubini di Romano di Lombardia (Bergamo). Ufficialmente era andata in pensione a settembre dell’anno scorso, ma a giugno, alla fine dell’ anno scolastico, gli alunni l’avevano salutata con striscioni, regali e anche una targa di ringraziamento “a lei che è sempre stata un punto di riferimento per i suoi studenti”.

Le foto di quel momento sono su Facebook, dove la donna ha raccontato l’affetto per i figli, i nipoti e per il marito e la passione per la squadra di calcio dell’Avellino. “Ringrazio tutti i miei amici che sono stati molto buoni nei miei confronti – ha messo dopo i commenti a una sua fotografia -, ma soprattutto un grazie particolare va all’autore dello scatto, mio marito, che riesce sempre a cogliere i miei lati positivi”. “Grazie ma è così che ti vedo” ha risposto lui.

A lui, con cui nel 2014 aveva festeggiato 35 anni di matrimonio, è dedicato uno degli ultimi post: una fotografia e un messaggio per dire che era a San Giovanni Rotondo con il suo amore. Poi la promessa di pregare per gli amici che lo avevano chiesto.

To Top