Blitz quotidiano
powered by aruba

Bimba ha fratello (non vaccinato) con varicella. Scuola ai genitori: “Tenetela a casa”

FIRENZE – Il fratello, non vaccinato, ha la varicella e così ai genitori di una bambina che frequenta un asilo nido del Chianti sarebbe stato chiesto di tenere la piccola a casa: i suoi compagni al nido sono ancora troppo piccoli per farsi il vaccino.

E’ quanto scrive oggi l’edizione fiorentina di Repubblica, spiegando che dall’asilo sono stati avvertiti anche sindaco e pediatri della zona, i quali a loro volta hanno interpellato l’ufficio di igiene dell’Asl. Ad ammalarsi di varicella è stato un bambino che frequenta la scuola materna: i genitori, riporta il quotidiano, non gli avrebbero fatto il vaccino quadrivalente, la cui prima dose si inietta intorno ai 14-15 mesi di età e per il quale viene fatto il richiamo a 5-6 anni. Il motivo sarebbe legato a reazioni che avrebbe avuto verso il vaccino esavalente, che si fa nei primi mesi dopo la nascita.

Per la scuola del bambino non sono comunque sorti problemi: i suoi compagni hanno tutti l’età per essere vaccinati. Diversamente è andata nel nido frequentato dalla sorellina, dove alcuni dei bambini non hanno ancora fatto la vaccinazione perché troppo piccoli.

I genitori di quest’ultimi bambini si sono così preoccupati, temendo che la malattia venga trasmessa ai figli. Autorità sanitarie e Comune hanno pensato a cosa fare per convincere la famiglia a non mandare al nido la bambina per un paio di settimane, ovvero per il periodo di incubazione della malattia. Sembra sia stata valutata anche l’ipotesi di fare un’ordinanza specifica, poi, riporta il quotidiano, si è optato per una linea morbida, ovvero di parlare con la famiglia. Non è chiaro cosa farà quest’ultima. Intanto altri genitori hanno contattato i loro pediatri per anticipare la vaccinazione dei figli.