Blitz quotidiano
powered by aruba

Bimbo morto in armadio, ucciso dalla mamma: gli ha schiacciato la testa

TORINO  – La mamma lo ha messo al mondo in casa, poi lo ha ucciso schiacciandogli la testa e poi lo ha chiuso dentro un armadio. E’ il finale choc della vicenda iniziata lo scorso 4 ottobre a Torino quando i carabinieri, hanno trovato il corpicino del neonato nell’armadio di un appartamento di Torino. I successivi esami hanno rivelato una verità orribile: il piccolo era vivo ed è stato ucciso successivamente alla nascita.

I carabinieri hanno notificato alla madre, una peruviana di 36 anni, l’obbligo di dimora nel Comune di Torino. E’ ritenuta responsabile di infanticidio e occultamento di cadavere.

La svolta nell’inchiesta grazie agli accertamenti eseguiti in collaborazione con il raggruppamento investigazioni scientifiche dell’Arma. Dagli esami eseguiti, è emerso che la donna ha partorito nella propria abitazione e poi ucciso il neonato per “compressione cranica”.

Nell’abitazione, in quel momento, era presente solo la figlia di cinque anni della donna. Il marito, insieme a un altro figlio di sette anni, non era in casa. A trovare il corpicino ormai privo di vita erano stati i carabinieri, in seguito al ricovero della donna all’ospedale Maria Vittoria per una grave emorragia conseguenza del parto..