Blitz quotidiano
powered by aruba

Bimbo morto in culla a 4 mesi: genitori allontanati da casa

PESCARA – Un bimbo di 4 mesi è stato trovato morto nella culla della sua casa di Montesilvano, in provincia di Pescara, la mattina del 29 febbraio. La mamma, 24 anni, ha visto che il piccolo non respirava e ha chiamato il 118, ma quando i soccorritori sono arrivati il bimbo era già morto e per lui non c’è stato nulla da fare. La donna e il compagno di 22 anni vivevano in una casa popolare di Montesilvano in cui c’erano carenti condizioni igienico sanitarie e i carabinieri hanno avvisato la Asl e i servizi sociali. La famiglia del bimbo è stata trasferita in un el.

Flavia Buccilli su Il Centro scrive che la mamma, una colombiana di 24 anni, viveva con il papà del bimbo in un appartamento delle case popolari di via Chiarini a Montesilvano e il piccolo, su cui non sono stati trovati segni di violenza, sarebbe morto per cause naturali:

“Sono intervenuti anche i carabinieri della compagnia di Montesilvano che hanno ricostruito l’accaduto. I militari dell’Arma, coordinati dal capitano Vincenzo Falce, hanno avvisato i servizi sociali e la Asl. Nella casa, una delle case popolari di via Chiarini assegnata alla nonna del piccolo, sono state riscontrate carenze di tipo igienico sanitario. Nell’alloggio popolare è intervenuta anche l’Ater, proprietaria dell’immobile. Vista la situazione la famiglia è stata trasferita in un el a spese del Comune.

«Siamo addolorati per la tragedia che si è abbattuta oggi sulla nostra città. La scomparsa di un bambino è un evento drammatico a cui nessuna famiglia dovrebbe far fronte. A nome dell’amministrazione comunale e della comunità tutta, esprimo profondo cordoglio e vicinanza ai genitori e ai familiari del piccolo», ha commentatoil sindaco di Montesilvano, Francesco Maragno”.


PER SAPERNE DI PIU'