Blitz quotidiano
powered by aruba

Bimbo solo in casa di notte esce: genitori denunciati

GORIZIA – Un bimbo di appena 4 anni è stato lasciato solo nella sua casa di Cormòns, in provincia di Gorizia, ed è uscito di notte percorrendo 500 metri dalla sua abitazione. I genitori del bambino sono stati denunciati per mancata vigilanza di minori e il piccolo è stato affidato dal Tribunale dei minori ad altri familiari.

Marco Silvestri sul quotidiano Messaggero Veneto scrive che l’episodio è accaduto la sera di martedì 12 aprile, quando intorno alle 23 il bambino è stato trovato in strada in pigiama, con le ciabattine e infreddolito che cercava la sua mamma. Un passante lo ha trovato e lo ha accudito, chiamando poi il 112 e dando l’allarme:

“Una volta giunte sul posto, le forze dell’ordine hanno trovato il bambino visibilmente scosso ma anche piuttosto sveglio e vivace. È stato proprio il bimbo a dire il proprio nome e a indicare il luogo della propria abitazione in via Barzellini, una strada laterale di via Udine.

Una volta a casa, il bambino è stato rifocillato e si è potuto riscaldare. I carabinieri hanno appurato che il piccolo era stato lasciato da solo in casa dai genitori: forse si era addormentato e svegliatosi all’improvviso non aveva trovato più il papà e la mamma. Impaurito, è uscito di casa tutto solo per andare a cercare i genitori, camminando dalla sua abitazione per circa mezzo chilometro, fino a quando non è stato fortunatamente notato prima che potesse accadergli qualcosa.

I genitori erano probabilmente usciti con la sicurezza che il bambino stesse ormai dormendo, ma quando sono rientrati di lì a poco, hanno trovato i carabinieri e il figlio ben sveglio. Informati dei fatti, solo in quel momento si sono resi conto di aver messo in pericolo la vita del loro figlioletto.

I genitori sono stati denunciati a piede libero per mancanza di vigilanza di minore e, su decisione del Tribunale dei minori, il bambino è stato affidato alle cure di altre figure familiari, in attesa che siano prese nuove decisioni sulla sua custodia”.


PER SAPERNE DI PIU'