Blitz quotidiano
powered by aruba

Bocca della Verità, vuoi la foto? Paghi 2 euro

ROMA – Foto con la mano infilata nella Bocca della Verità? Paghi due euro. A monetizzare l’immagine del leggendario mascherone di marmo, custodito nel portico della Chiesa di Santa Maria in Cosmedin a Roma è monsignor Mtanious Hadad, rettore della basilica greco-melchita.

Come riporta il quotidiano Il Messaggero è stato proprio lui a inviare una lettera alle guide turistiche di Roma per avvisarle dell’introduzione del ticket.

“Il biglietto costerà due euro – si legge nella nota – e la chiesa offre a chi ne dovesse aver bisogno dei copri spalle o kimono monouso per l’uso personale di ciascun turista”

Attenzione però perché l’attimo sarà fugace: la regola è di massimo una foto a persona “per rispettare il turno degli altri e non allungare troppo l’attesa”.

Il biglietto è stato introdotto dal 1 agosto ma le orde di turisti non si sono lasciate scoraggiare. Come riporta Il Messaggero:

In media, circa ogni mezz’ora, sfilavano davanti al mascherone muniti di ticket, almeno 150 persone. E la chiesa resta aperta dalle 9:30 alle 17:50. Un addetto allo staff della chiesa (come si legge sul badge) stacca un tagliando di carta per ogni turista che paga 2 euro. Il pubblico si mette in coda lungo il portico e il flusso delle foto è coordinato da un altro custode di fronte alla Bocca della Verità. All’occorrenza, è proprio lui a immortalare il turista di turno.

L’iniziativa non ha lasciato indifferenti: «I pareri tra chi lavora con i turisti sono vari: anche tra di noi ci sono persone favorevoli e altre contrarie – racconta Isabella Ruggiero presidente dell’Agtar l’Associazione guide turistiche abilitate di Roma – Alcuni criticano l’iniziativa, lamentando il fatto che si costringa a pagare per fare la foto ad un’opera che sta lì da secoli e che rientra nel patrimonio culturale e artistico della città. Anche perché tutte le chiese di Roma sono tradizionalmente gratuite, sempre, anche all’interno Pantheon compreso».