Blitz quotidiano
powered by aruba

Bologna, anziano si uccide in ospedale: 5 indagati

BOLOGNA – Cinque persone, quattro infermieri e un medico, sono state iscritte nel registro degli indagati come atto a loro garanzia nel fascicolo del Pm Manuela Cavallo, sulla morte di un 81enne che il 28 maggio si è gettato dal terzo piano del padiglione Albertoni del policlinico Sant’Orsola di Bologna, reparto di Medicina interna.

L’anziano, ricoverato per un’infezione polmonare, poco prima di gettarsi era uscito in balcone e gli infermieri lo avevano visto e fatto rientrare. Avevano quindi chiesto una consulenza per valutare le sue condizioni psichiche, ma poco dopo il paziente ha aperto nuovamente la porta-finestra e si è ucciso. Nel conferire l’autopsia, il Pm ha chiesto al medico legale Donatella Fedeli di approfondire, oltre alle cause della morte, se siano stati violati protocolli e se ci siano profili di colpa o di omessa vigilanza.

Anche la famiglia dell’anziano, attraverso l’avvocato Roberto D’Errico, ha nominato un proprio consulente, Matteo Tudini, chiedendo di allargare l’accertamento ai farmaci somministrati al paziente nel periodo precedente alla morte. Uno degli indagati ha nominato come consulente Alessandra De Palma. L’avvocato D’Errico fa un appello alla stampa perché sia mantenuta la riservatezza sulle generalità del pensionato, “per non incrinare ulteriormente la serenità della famiglia”.


TAG: