Blitz quotidiano
powered by aruba

Bologna. Avvocatessa scippata assegnata d’ufficio al ladro

BOLOGNA – Una avvocatessa passeggia per il centro di Bologna, quando viene scippata da un ladro. L’uomo, un brasiliano di 20 anni, viene arrestato dopo un inseguimento e scatta il processo in direttissima. Poi la sorpresa: l’avvocatessa viene chiamata dal call center per i legali di ufficio per difendere proprio il ladro che l’aveva scippata. Un incarico a cui la donna ha rinunciato e per il giovane ladro è stato nominato un altro legale.

La storia dello scippo arriva da Bologna. La donna stava passeggiando per il centro della città nel pomeriggio dell’8 giugno quando il ladro l’ha aggredita e l’ha derubata delle collane che portava al collo. Il ladro, un ragazzo di 20 anni di origini brasiliane, è stato arrestato alla fine di un inseguimento, dopo che aveva anche preso a pugni un agente. Per lui è stato disposto il processo in direttissima e il call center per i legali d’ufficio ha fornito casualmente proprio il nome della vittima, presente in lista e di turno.

L’avvocatessa, ovviamente, non poteva assistere lo scippatore e ha rinunciato: è stato quindi nominato un difensore di fiducia, l’avvocato Settimio Biondi. Il giudice Aldo Resta ha convalidato l’arresto disponendo l’obbligo di firma, in attesa del processo in abbreviato. Parte civile il poliziotto picchiato, con l’avvocato Sabrina Evangelisti.


PER SAPERNE DI PIU'