Blitz quotidiano
powered by aruba

Bologna, in strada cadavere di postino con ferita alla testa

BOLOGNA – Giallo a Bologna. Il cadavere di un uomo di 56 anni, postino italiano, con una ferita alla testa è stato trovato in  strada in via del Giglio, nella periferia ovest del capoluogo emiliano. Secondo le prime ipotesi l’uomo potrebbe essere stato colto da un malore o essere stato investito da un’auto che poi è fuggita.

Sul posto sono arrivati agenti di polizia, il medico legale e il pubblico ministero di turno, Gabriella Tavano.

Intorno alle 6:30 di venerdì 8 aprile una donna che si è affacciata dalla finestra di un palazzo di via del Giglio ha visto il corpo riverso a terra. Secondo le prime informazioni sembra che avesse il capo coperto da alcuni indumenti.

Tra le ipotesi ci sono un malore o forse un investimento. Pare esclusa la pista di un’aggressione, anche perché la vittima, Massimo B., aveva con sé portafogli ed effetti personali.

Alcune ore prima del ritrovamento del cadavere l’uomo aveva avuto un piccolo incidente stradale lungo via Emilia Ponente e la Polizia Municipale gli aveva sequestrato l’auto, dopo averlo trovato ubriaco alla guida.

L’uomo si sarebbe incamminato fino a raggiungere il punto in cui, verso le 6:30, è stato trovato riverso a terra sul marciapiede, rannicchiato su un lato rivolto verso la vetrina di un negozio di scarpe. L’uomo potrebbe essere caduto a causa dello stato di ebbrezza (la ferita alla fronte è ritenuta compatibile con una caduta) oppure essere stato urtato da un’auto. A terra, vicino al cadavere, c’erano uno zaino nero con un paio di scarpe da lavoro, una giacca cerata e un paio di auricolari.

Sul Resto del Carlino le foto della scena del ritrovamento.

 


PER SAPERNE DI PIU'