Cronaca Italia

Bonus multe Raggi, vigili Roma divisi: “Meglio sui controlli”

Bonus multe Raggi, vigili Roma divisi: "Meglio sui controlli"

Bonus multe Raggi, vigili Roma divisi: “Meglio sui controlli”

ROMA – Bonus multe Raggi, vigili Roma divisi: “Meglio sui controlli”. A ogni discussione sul contratto dei dipendenti del Comune di Roma, quando si parla di vigili urbani scatta sistematica la proposta di legare gli incentivi salariali al numero di verbali staccati, più multi più guadagni. Anche quest’anno l’amministrazione di turno ha ripresentato la proposta: i sindacati, convocati per il Tavolo di confronto tra Campidoglio e le sigle dei lavoratori, si sono mostrati spaccati sulla questione.

Per Giancarlo Cosentino della Cisl-Fp, “più che alle multe, siamo favorevoli a legare una parte delle indennità accessorie al numero dei controlli realizzati”. L’Ugl è contraria, per Marco Milani “non siamo sceriffi di Nottingham”. Il Messaggero di Roma enumera partiti, associazioni, consumatori che compongono il fronte del no all’incentivo così concepito.

La discussione sul premio agganciato all’equazione «più multe fai, più ti pago» ieri ha animato un dibattito che ha sconfinato il perimetro sindacale e ha coinvolto anche i partiti e le associazioni dei consumatori. Il Codacons ha minacciato «azioni legali», mentre per Federconsumatori si tratterebbe di «un provvedimento poco corretto messo in campo per far fronte all’assenteismo nel corpo della polizia locale».

Protesta ovviamente l’opposizione. Per il consigliere Andrea De Priamo di Fdi-An, il bonus multe «rappresenta una provocazione verso i cittadini romani già alle prese con l’inadeguatezza dei servizi pubblici». Contesta l’idea del «vigile-sceriffo» anche Adriano Palozzi di Forza Italia, mentre per la lista Giachetti, Svetlana Celli bolla il provvedimento come «un maldestro tentativo per fare cassa da parte della giunta M5S». (Lorenzo De Cicco, Il Messaggero)

To Top