Blitz quotidiano
powered by aruba

Borse di studio università, innalzate le soglie Isee e Ispe

ROMA – Borse di studio, aumenta il numero di studenti universitari che potranno ottenerle. Il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ha annunciato l’innalzamento delle soglie Isee e Ispe per l’accesso alle borse: diventano rispettivamente, 23.000 e 50.000 euro.

In questo modo – ha spiegato il ministro – si riuscirà a recuperare quasi tutto il calo di borse di studio, registrato con l’introduzione delle nuove modalità di calcolo Isee, che si attestava al 21%.

Per ridurre l’impatto negativo del nuovo Isee sul diritto allo studio (se su media nazionale oltre il 20% degli studenti ha perso la borsa di studio nell’ultimo anno accademico, in Sicilia si è raggiunta una punta del 40%) alcune Regioni nei mesi scorsi hanno messo in campo interventi compensativi.

“Sono d’accordo con quella parte degli studenti che costruttivamente dice che c’è stata una penalizzazione forte nell’applicazione di certi parametri Ispe: li abbiamo rivisitati venendo incontro alle loro richieste e facendo con il Ministero del Lavoro la valutazione di quanto si recupera e di quanto si rimanga in un quadro di equità e di diagnosi di evasione fiscale, ha spiegato il ministro. Abbiamo tenuto la soglia Ispe a 50 mila e non a 55 mila perché altrimenti si creava una difficoltà tecnica con il Ministero del Lavoro”.

Cantano vittoria le associazioni studentesche, che nelle scorse settimane hanno portato avanti una battaglia su questo fronte. Ma rilanciano: “Il decreto è arrivato in ritardo ma questa volta ha accolto le istanze degli studenti esclusi che l’anno prossimo potranno nuovamente rientrare” nella platea dei beneficiari – commenta Link-coordinamento universitario, facendo però notare il prezzo pagato dai giovani:

“Molti studenti quest’anno non hanno ricevuto la borsa e hanno avuto pesanti difficoltà nel proseguire gli studi. L’attivazione di molte regioni e enti, che si sono dimostrati sensibili al tema, non è stato sufficiente per tutelare tutti coloro che erano stati colpiti dal problema”.

L’annuncio di giovedì è dunque un passo avanti ma non è abbastanza per gli studenti. “Ora è necessario allargare la platea dei beneficiari di borsa di studio” dice l’Unione degli universitari, “è necessario rivedere subito il decreto del 2001, in modo da eliminare per l’anno prossimo l’Ispe come indicatore di selezione, visto che l’Isee stesso contiene una valutazione dei valori patrimoniali”.

Nell’anno accademico 2014-2015, secondo dati del ministero dell’istruzione, a fronte una platea di 173.129 idonei sono state concesse 136.668 borse di studio. 11,9 la percentuale di beneficiari rispetto agli iscritti regolari contro – fa notare Link – il 19% della Spagna e il 27% della Francia.