Blitz quotidiano
powered by aruba

Branco baby calciatori violenta ragazza. Incastrati da video sul telefonino

SAVONA – Dopo lo stupro della sedicenne di Sarno da parte di un branco di 5 minorenni (il più piccolo 15, il più grande 17 anni), un’altra ragazzina finisce vittima della violenza del branco. Accade in Liguria, dove tre baby calciatori sono accusati di aver violentato in gruppo la fidanzatina di uno dei tre. La notizia è riportata dal Secolo XIX. I tre sono ora rinchiusi nei carceri minorili di Milano, Torino e Bologna. Ad incastrarli ci sarebbero video foto sul telefonino.

Il fidanzatino della vittima, straniera e appena maggiorenne, aveva detto di aver portato a casa della ragazza due amici. Lì avrebbero abusato di lei in branco. La giovane si è poi presentata in Caserma dei Carabinieri un paio di giorni dopo e i medici hanno certificato una prognosi di dieci giorni per i lividi sul corpo. Per l’arresto dei tre ragazzi, tre giovani promesse del calcio, già nel giro della prima squadra del loro club, sarebbero state decisive le immagini e i filmati sul cellulare sequestrato al fidanzato della giovane, rimasto a Savona inizialmente solo identificato e denunciato dai Carabinieri.

Il filmato ha portato al suo arresto insieme a quello degli altri due amici che si trovavano all’estero. Ai tre è stato notificata l’ordinanza del tribunale di Genova su richiesta del pm della procura minorile in cui si cita anche il pericolo di reiterazione del reato e inquinamento delle prove. Una decisione durissima, annota Il Secolo XIX, “nonostante i tre fossero incensurati e non fossero mai stati coinvolti in simili precedenti. Il giudice ha deciso dopo aver visionato le immagini e i filmati contenuti nel telefonino”.