Blitz quotidiano
powered by aruba

Brasiliano ruba al negozio cinese: “Tornatene al tuo Paese”

PADOVA – Brasiliano ruba al negozio all’ingrosso cinese e, beccato, urla al titolare: “Tornatene al tuo Paese”. Arrestato. Il tentativo di furto è avvenuto al centro ingrosso Mela Rossa di via Vigonovese a Padova.

Due giovani sono stati sorpresi dal titolare del negozio a rubare alcuni articoli per fumare, come cartine e tabacco. Il gestore ha cercato di fermarli, ma i due l’hanno aggredito, gridandogli di tornarsene al suo Paese. A quel punto per fortuna è intervenuta la polizia, che è riuscita ad arrestare uno dei, Kevinn Nahuel De Almeida Zilio, 21 anni, brasiliano. Indagato a piede libero l’amico che è riuscito a fuggire.

 

Il negozio all’ingrosso Mela Rossa era già apparso sulle cronache della zona di Padova alcuni mesi fa, quando venne coinvolto in un maxi-sequestro di articoli di bigiotteria: due milioni e mezzo di pezzi, fra ciondoli e bijoux, tutti fuori regola, vennero trovati dalla Guardia di Finanza. Ecco il resoconto di quella retata fatto dal Mattino di Padova: 

Continua la lotta della Guardia di Finanza di Padova alle condotte illecite di contraffazione e di immissione in commercio di prodotti non sicuri, a tutela del consumatore e del “made in Italy”. In tale ambito, nei giorni scorsi, è stata condotta un’importante operazione che ha portato al sequestro, nei confronti di due imprese gestite da soggetti di origine cinese, di quasi 2,5 milioni di accessori di non conformi agli standard di sicurezza e privi di ogni prescrizione in ordine all’origine ed alla composizione.

Ciondoli, perline di vario tipo e genere, utilizzate anche dai più piccoli nella costruzione di bracciali, collane, orecchini ed altri oggetti di bigiotteria per la realizzazione di bijoux fai da te, tutti sprovvisti delle previste certificazioni di sicurezza e quindi pericolosi per la salute e l’incolumità dei consumatori.

L’operazione è scaturita a seguito di un controllo effettuato da militari del Gruppo di Padova presso un punto vendita situato nella zona industriale della città, all’interno del market Mela Rossa di via Uruguay, gestito da un imprenditore cinese. Qui sono stati rinvenuti e sequestrati i primi 69.600 articoli di bigiotteria non sicuri.

Il pronto esame della documentazione rinvenuta presso l’esercizio commerciale ha poi consentito di individuare il fornitore della merce, anch’esso operante nel territorio patavino, in particolare all’interno del Centro Ingrosso Cina, dove le Fiamme Gialle hanno subito esteso il controllo, temendo peraltro un pronto allertamento tra i soggetti coinvolti, vista peraltro la vicinanza dei due luoghi di stoccaggio. Il sospetto si rivelava fondato.


TAG: ,