Blitz quotidiano
powered by aruba

Brindisi: invasione di mosche, città oscurata da nuvola nera

BRINDISI – Brindisi oscurata da una nuvola nera di mosche. In città infatti non sono state effettuate per tempo le disinfestazioni e ora appare difficile contrastare l’invasione degli insetti che come in un film horror hanno invaso la città. Una scena che ricorda molto il film Pheomena di Dario Argento.

La mosche si appoggiano su ogni cosa e non si possono aprire finestre o porte se non munite di zanzariere. A danneggiare il capoluogo pugliese sono anche i ritardi accumulati nella disinfestazione da parte dell’azienda Ecologia Pugliese che avrebbe dovuto avviare le operazioni a fine maggio.

Come scrive Emanuela Carucci per Il Giornale:

É il prezzo da pagare al vuoto amministrativo degli ultimi mesi: l’arresto del sindaco Consales, il commissariamento e, solo ora, le nuove elezioni e la nuova Amministrazione comunale.

“Sono già partite in alcuni quartieri e in altri devono ancora partire le disinfestazioni” rispondono dal Comune. Inoltre il neo-sindaco Angela Carluccio, rimboccatasi le maniche, pare abbia già segnalato una serie di interventi di pulizia urbana anche per l’invasione di topi, blatte e formiche. Le azioni di disinfestazione vanno fatte prima della fase di riproduzione degli animali. Quasi certamente fatte ora, queste attività non avranno l’efficacia sperata.

Più interventi ci sono con un prodotto ovicida, antilarvale e adulticida, più le mosche sono colpite prima di riprodursi. A Brindisi tutto questo non è accaduto nel momento giusto.