Blitz quotidiano
powered by aruba

Bufala gennaio 2016: cinque domeniche, porta soldi

Una catena su Whatsapp ha avvisato dei "prodigi" di gennaio 2016, dotato di 5 domeniche. Ma è una bufala...

ROMA – Una catena su Whatsapp ha avvisato molti utenti dei “prodigi” di gennaio 2016: avendo 5 domeniche sarebbe un evento raro quanto fortunato. Non solo: questo gennaio porta soldi, basta inoltrare a altri contatti la famigerata catena che recita:

Questo mese di gennaio è molto speciale: avrà 5 venerdì, 5 sabati e 5 domeniche. Questo succede una volta ogni 823 anni. Questi anni sono conosciuti come “sacchi di denaro”. Manda questo messaggio a 8 buoni amici e i soldi compariranno in 4 giorni, è una cosa basata sul Feng Shui cinese. Chi lo fermerà non riceverà niente. Tentare non costa nulla.

E’ ovviamente una bufala. Non solo perché è improbabile che la composizione del calendario possa far materializzare denaro nel portafogli ma anche perché si basa su un assunto totalmente sbagliato. Ecco quale, come spiega La Stampa:

Altro che ogni 823 anni: per ritrovare un altro mese con 5 venerdì, 5 sabati e 5 domeniche basta andare indietro di pochi mesi, a maggio 2015, quando si è ripetuta la stessa combinazione. Ma era successo anche a marzo 2013, luglio 2011, gennaio e ottobre 2010, e così via, insomma spesso. Anche ai più creduloni basta una occhiata al calendario per capire che come portafortuna è un po’ troppo di maniche larghe. Anche il riferimento al Feng Shui è in ogni caso, bufala o no, fuori contesto. Si tratta infatti di un’antica scienza cinese che ci insegna a vivere in armonia con le energie della Terra. E’ una tecnica di organizzazione dello spazio e dell’ambiente in cui viviamo. Si propone di supportare l’architettura tradizionale nella progettazione delle case e nella scelta dei mobili. Gli spazi vengono organizzati in modo da creare una vera e propria armonia tra l’interno e l’esterno. Il termine Feng Shui richiama le parole “vento” e “acqua” che, secondo la cultura cinese, equivalgono a salute, felicità, pace e sì… anche prosperità.


TAG: ,

PER SAPERNE DI PIU'