Cronaca Italia

Caccia italiani intercettano piccolo aereo carico di droga

Caccia italiani intercettano piccolo aereo carico di droga

Caccia italiani intercettano piccolo aereo carico di droga

ROMA – Caccia italiani intercettano piccolo aereo carico di droga. Il dispositivo di sicurezza aereo nazionale si è mobilitato, ieri, nell’intercettazione di un velivolo sospettato – in base alle scarne informazioni trapelate finora – di traffico di stupefacenti. Gli accertamenti sono ancora in corso e non si conoscono al momento particolari sull’intervento, che è stato delicato e complesso. Secondo quanto si è potuto apprendere, tuttavia, il piccolo velivolo sarebbe stato raggiunto da diversi caccia Eurofighter dell’Aeronautica militare che lo avrebbero scortato fuori dallo spazio aereo nazionale. Una volta atterrato, è stato preso in consegna dalle autorità.

Quello dei narcovuelos, i voli della droga, è un fenomeno in grande espansione specie dopo la rivoluzione dei cartelli sudamericani degli ani ’80 che hanno dato al commercio illegale una dimensione industriale.

2x1000 PD

Oggi il quadrante aereo storico tra Sudamerica e confine Messico-Usa, compresi i Caraibi, resta il più trafficato dai voli della droga. Decine di pirati dell’aria partono ogni notte carichi di cocaina. All’inizio degli anni 2000, i narcos hanno aperto il corridoio transoceanico, verso l’Africa. E poi, a seguire, le rotte minori verso l’Europa: Marocco-Spagna; Marocco-Francia; Francia-Inghilterra. Il 10 maggio 2014, infine, l’atterraggio d’emergenza di un Piper sulle coste dell’Adriatico (nella foto in alto) segnala l’apertura dell’ultima tratta dei narcovoli: dall’Albania e dai Balcani, verso Italia. (Guido Olimpio, Andrea Galli, Gianni Santucci, Corriere della Sera)

 

To Top