Cronaca Italia

Calabria, sequestrati beni per 324 milioni a imprenditore dell’olio deceduto

 Foto Ansa

Foto Ansa

REGGIO CALABRIA – La Dia di Reggio Calabria ha eseguito un decreto emesso dalla Corte d’appello di Reggio Calabria con cui é stata confermata la confisca dei beni per un valore di 324 milioni di euro nei confronti di un imprenditore oleario, Vincenzo Oliveri, morto il 14 gennaio scorso. I beni, secondo quanto è emerso dalle indagini, sarebbero provento di una serie di truffe nella percezione di contributi dell’Unione europea ed erano riconducibili adesso, dopo la morte di Vincenzo Oliveri, agli eredi dell’imprenditore oleario, la moglie, Domenica Rosa Carnovale ed i figli Giovanni e Matteo Giuseppe.

La confisca riguarda 15 società dei settori agricolo-oleario e turistico-alberghiero ed 88 immobili in Calabria, Abruzzo e Toscana. Tra i beni confiscati un resort di lusso a Giulianova (Teramo) ed un’altra struttura alberghiera di pregio a Borgia (Catanzaro). La confisca dei beni, confermata dai giudici d’appello, era stata disposta in primo grado dal Tribunale di Reggio Calabria nel gennaio del 2016.

Vincenzo Oliveri ed il fratello Antonio, insieme al padre Matteo Giuseppe, furono arrestati con altre tre persone nel luglio del 2010, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Palmi, con l’accusa di associazione per delinquere e truffa in relazione all’indebita percezione di contributi erogati in base alla legge 488 che prevede finanziamenti agevolati alle aziende.

To Top