Blitz quotidiano
powered by aruba

Cani uccisi da ragazzi e bambini, 700 casi nel 2013: molti filmano e “postano”

caneROMA – Bruciati vivi, uccisi a bastonate o impiccati: sono circa 700 i cani ammazzati nel 2013 in Italia da persone minorenni, secondo l’Associazione italiana difesa animali e ambiente (Aidaa).

“Di questi casi di cui non sempre hanno parlato i giornali e le televisioni oltre 400 non potranno essere perseguiti penalmente in quanto gli assassini dei poveri cani sono ragazzini in età compresa tra i 10 ed i 12 anni e quindi non perseguibili penalmente – si legge in un comunicato dell’Aidaa -. Molti di loro hanno filmato torture e massacri e li hanno postati in rete. Dei settecento cani uccisi, secondo una stima raccolta consultando gli articoli di giornale e i servizi radio televisivi in cui si parla di questi orrori, ben 330 sono stati commessi in orario in cui i giovani assassini dovevano essere a scuola”.

“Per quanto attiene le regioni in cui questa mattanza è diffusa al primo posto c’è la Sicilia con Palermo e Catania, seguono la Puglia, la Campania, la Sardegna, e al centro nord – prosegue la nota – dove i casi sono comunque pochissimi, ai primi posti si piazzano Lazio, Abruzzo e Veneto”.


TAG: ,