Blitz quotidiano
powered by aruba

Capalbio. Il regista Faenza: “I 50 africani? Li porto a pranzo”

ROMA – Capalbio. Il regista Faenza: “I 50 africani? Li porto a pranzo”. Capalbio “ultima spiaggia” della sinistra, come dice Saviano citando il noto ritrovo balneare caro all’intellighenzia radical chic, o ha fatto bene il sindaco Pd ad esternare perplessità e malumori per l’assegnazione calata dall’alto di 50 profughi africani nel piccolo borgo?

Propende decisamente per la figuraccia del campo cui pure appartiene il regista Roberto Faenza che lancia una provocazione sul Fatto Quotidiano, in polemica non solo col sindaco e col principe ambientalista Caracciolo, ma soprattutto con l’ansiosa proprietaria del ristorante Il Frantoio, altro must dei riti capalbiesi, che teme problemi di integrazione.

Avanzo subito una proposta: appena arriveranno li porterò a mie spese a pranzo al Frantoio per vedere come si comportano a tavola e se faranno bene spero in uno sconto. Poi proporrò alle varie aziende agricole del territorio, inclusa la mia, di arruolare i rifugiati per la raccolta delle olive. Manca sempre la manodopera e sono sicuro che 100 braccia desiderose di guadagnare qualcosa sapranno farsi ben volere da tutti. Così il sindaco capalbiese si renderà conto di aver preso lucciole per lanterne e tornerà a fare la sua bella figura. (Roberto Faenza sul Fatto Quotidiano)