Blitz quotidiano
powered by aruba

Carabinieri inchiesta su 2 ufficiali: bagno da 50 mila € e..

GENOVA – Carabinieri, inchiesta su 2 ufficiali a Genova per un bagno da 50 mila € e una caldaia. Due alti ufficiali dei Carabinieri, un generale e un colonnello, sarebbero oggetto di una doppia inchiesta per un bagno supplementare nell’alloggio di servizio, il primo; per una caldaia a gas il secondo. I due ufficiali sono Enzo Fanelli, generale e Francesco Laurenti, colonnello. Lurenti è indagato anche per un’altra vicenda legata allo smaltimento di rifiuti.

Il gen. Fanelli, che a Genova occupava il posto di comandante regionale dei Carabinieri in Liguria, ora presiede la Commissione per la condizione generale del personale dell’Arma dei Carabinieri.

Il col. Laurenti è Capo di stato maggiore a Genova.

La notizia è pubblicata dal Secolo XIX di Genova ed è firmata da Tommaso Fregatti e Matteo Indice. La doppia inchiesta sarebbe condotta dalla Procura della Repubblica di Genova e dalla Procura militare. Sarebbe stata aperta da “qualche settimana”, a seguito di un “dossier anonimo, scritto da un informato corvo […] recapitato nelle scorse settimane a varie autorità giudiziarie”. I presunti abusi risalgono agli anni 2013 e 2014.

Queste le accuse:

Enzo Fanelli “avrebbe usato 50 mila euro di fondi originariamente destinati a lavori di prima necessità dentro la stessa caserma “Vittorio Veneto” «per costruire un terzo bagno nel suo alloggio personale, di cui non vi è traccia al catasto».

Il colonnello Francesco Laurenti “avrebbe «fatto installare la caldaia a metano a uso esclusivo del proprio alloggio di servizio, non in casa sua, ma nei locali comuni del Comando, allacciandola alla rete del metano che serve l’intera struttura per far così addebitare alla collettività i consumi personali»”.

I giornalisti usano il condizionale ma il testo fra virgolette non sembra frutto di fantasia.

Enzo Fanelli è anche indagato, con l’accusa di truffa aggravata,

nell’ambito dell’inchiesta sullo smaltimento illecito di rifiuti condotto dai militari del Noe a Genova. Con Fanelli sono indagati a vario titolo un altro ufficiale dei carabinieri, due funzionari della amministrazione carceraria, un certo numero di pompieri e sono stati arrestati ai domiciliari sette tra funzionari Amiu e Switch.